Cerca nel blog

venerdì 10 luglio 2009

Recensione: News For Lulu


News for Lulu
Ten little white monsters
Zahr Records - 2006

Tracklist:

1. Late night commercial
2. Christmas monkey
3. A gun is not the solution
4. Ten little white monsters
5. Toothbrush
6. (…)
7. Scarecrows at the window
8. Tic-toc clock
9. Charlotte with Robots
10. I've been so clever
11. Left hand writers

Line up:
Matteo Baldrighi: batteria, percussioni
Carlo Campili: basso
Nicola Crivelli: chitarra
Emanuele Gatti: chitarra, voce, armonica
Andrea Girelli: sintetizzatore, voce, percussioni
Umberto Provenzani: voce, chitarra

I “News for Lulu” gruppo formatosi nel 2003 a Pavia ci presenta il loro lavoro “Ten little white monsters”.
Il disco è composto di 11 tracce, per un totale di 43 minuti circa.

La confezione del disco è molto curata e piacevolmente delicata con temi inerenti alla natura e al contatto con essa.

La produzione del disco è buona, e la scelta di tralasciare una pulizia perfetta del suono a favore di toni più caldi e “analogici” è particolarmente azzeccata.

La tecnica esecutiva dei “News for Lulu” si mantiene sempre su livelli elevati per tutto il percorso del disco, così come la scelta degli arrangiamenti sempre di ottimo gusto.

Il disco ci propone un indie-rock molto delicato e caratterizzato dalle melodie più che dai ritmi. Proprio il flusso delle melodie si sviluppa lungo il corso degli 11 brani in maniera impeccabile, creando un percorso e di conseguenza un'atmosfera veramente gradevole.

Il disco risulta molto compatto, ma non per questo monotono o banale: i brani concorrono ad un disegno più ampio ma sono ognuno a suo modo caratterizzati da una buona personalità e riconoscibilità.

La voce (o meglio le voci, visto l'ottimo e cospicuo uso di più voci) è la protagonista principale del percorso melodico: il timbro molto bello, quasi fanciullesco, e molto dolce è sempre perfetto per i brani e la voce risulta a sua volta sempre molto precisa.

I testi sono interamente in inglese, ben ideati e ben in linea con l'atmosfera del disco.

In conclusione questo disco è una piccola gemma che riesce ad estraniare l'ascoltatore e a portarlo in una dimensione quasi fiabesca. Veramente un bell'album consigliato a chi vuole ascoltare buona musica, rilassarsi e sognare.

Giudizio finale: 82/100

Simone Giorgi